L’America tornerà sulla Luna. Senza la Nasa.

The game is on, la competizione è aperta: nove aziende private si sfideranno per (ri)mettere piede sulla Luna. Giovedì 29 novembre, dopo soli tre giorni dall’atterraggio della sonda InSight su Marte, il direttore della Nasa Jim Brindestine ha annunciato che i nove selezionati, tutti americani, si contenderanno il compito di trasportare carichi tecnologici e scientifici sul satellite per rifornire basi permanenti: la Nasa non dovrà fare altro che comprare il servizio.

UPS is for the weak – Le offerte delle aziende avverranno attraverso i CLPS, o Commercial Lunar Payload Services, contratti per i servizi di trasporto spaziale, all’interno di una macchina organizzativa che muoverà investimenti per un valore complessivo di oltre due miliardi e mezzo di dollari nei prossimi dieci anni.

Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per gli States – «La decisioni prese segnano un progresso tangibile nel ritorno dell’America sulla superficie della Luna. Gli obiettivi e il grado di innovazione raggiunto dalle società aerospaziali del nostro Paese si sposano con i nostri grandi obiettivi nel campo dell’esplorazione umana dello spazio». Così Brindestine ha raccolto sotto un’unica bandiera, quella a stelle e strisce, il rinnovato impegno nella colonizzazione celeste. Non saranno solo le macchine e gli strumenti  a essere riportati sul satellite, ma anche persone: nuove passeggiate lunari permetteranno al mito americano di consolidarsi, e alla frontiera di essere spinta ancora un po’ più in là.

Mars attacked – Poco prima della fine del suo intervento, Brindestine ha infatti lanciato un’ultima frecciata: «Questo connubio ci aiuterà ad ottenere cose incredibili sulla Luna per poi avanzare verso Marte». L’approccio esplorativo della campagna Moon to Mars della Nasa prevede una sempre maggiore integrazione tra contributi umani e robotici per ampliare progressivamente l’obiettivo al sistema solare.

Alien on board – Questo post è di Giulia Giaume. Grazie a Riccardo Lichene per l’ospitalità, breve ma intensa.

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...